“Non dimentichiamo i luoghi della santità quotidiana”. Omelia di Papa Francesco del 18 ottobre 2013

Papa Francesco ha incentrato l’omelia della Messa celebrata oggi, 18 ottobre 2013, a Santa Marta, su tre icone: Mosé, Giovanni Battista e San Paolo, e su un tema principale, il “tramonto dell’Apostolo”. E proprio prendendo spunto da quest’ultimo, presente nella prima Lettura (2 Tm 4, 10-17), il Papa ha ricordato le case di riposo dei preti e delle suore, “veri santuari di apostolicità e di santità” e ha suggerito a tutti una visita in questi luoghi di “santità quotidiana”.

“Giovanni Battista deve anche affrontare un’angoscia dubbiosa che lo tormentava e finisce sotto il potere di un governante debole, ubriaco e corrotto, sotto il potere dell’invidia di un’adultera e del capriccio di una ballerina. E anche l’Apostolo Paolo, nella Prima lettura, ci parla di quelli che lo hanno abbandonato, di chi gli ha procurato danni accanendosi contro la sua predicazione. Racconta che in tribunale nessuno lo ha assistito. Tutti lo hanno abbandonato. Però, dice San Paolo, il Signore mi è stato vicino. Mi ha dato forza perché io potessi portare a compimento l’annunzio del Vangelo”. E parlando, appunto del “tramonto dell’apostolo” e delle case di riposo per preti e suore, il Papa ha detto:  “questi luoghi sono bellissimi. Sento spesso, che si fa un pellegrinaggio al Santuario della Madonna, di San Francesco, di San Benedetto, tanti pellegrinaggi, ma mi chiedo se noi cristiani abbiamo la voglia di fare una visita – che sarà un vero pellegrinaggio! – a questi santuari di santità e di apostolicità, che sono le case di riposo dei preti e delle suore?”.

Questa è la trascrizione:
“L’Apostolo ha un inizio gioioso, entusiasta, entusiasta con Dio dentro, no? Ma anche non gli è risparmiato il tramonto. E a me fa bene pensare al tramonto dell’Apostolo… Mi vengono in mente tre icone: Mosé, Giovanni Battista e Paolo. Mosé è quello che è capo del Popolo di Dio, coraggioso, lottava contro i nemici e anche lottava con Dio per salvare il popolo: forte! E alla fine è solo, sul Monte Nebo, guardando la terra promessa, ma spogliato dall’entrare lì. Non poteva entrare nella promessa. Giovanni Battista: negli ultimi tempi, non gli sono risparmiate le angosce”.

“Questo è il grande dell’Apostolo, che con la sua vita fa quello che Giovanni il Battista diceva: ‘E’ necessario che Lui cresca e io diminuisca’. L’Apostolo è quello che dà la vita perché il Signore cresca. E alla fine questo tramonta così… Anche Pietro con la promessa: ‘Quando sarai vecchio ti porteranno dove tu non vorrai andare’. E quando penso al tramonto dell’Apostolo, mi viene nel cuore il ricordo di quei santuari di apostolicità e di santità che sono le case di riposo dei preti e delle suore: bravi preti, brave suore, invecchiati, col peso della solitudine, aspettando che venga il Signore a bussare alla porta del loro cuore. Questi sono veri santuari di apostolicità e di santità che abbiamo nella Chiesa. Non li dimentichiamo, eh!”.

“Ma mi chiedo se noi cristiani abbiamo la voglia di fare una visita – che sarà un vero pellegrinaggio! – a questi santuari di santità e di apostolicità, che sono le case di riposo dei preti e delle suore? Uno di voi mi diceva, giorni fa, che quando andava in un Paese di missione, andava al cimitero e vedeva tutte le tombe dei vecchi missionari, preti e suore, lì da 50, 100, 200 anni, sconosciuti. E mi diceva: ‘Ma, tutti questi possono essere canonizzati, perché alla fine conta soltanto questa santità quotidiana, questa santità di tutti i giorni’. Nelle case di riposo, queste suore e questi preti aspettano il Signore un po’ come Paolo: un po’ tristi, davvero, ma anche con una certa pace, col volto allegro”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...