Omelia di Papa Francesco del 10 maggio 2016 – “Giovani, bruciate la vostra vita nel servizio e nell’annuncio”

La testimonianza dei missionari, spinti lontano da casa dallo Spirito Santo per annunciare il Vangelo: questo il centro dell’omelia di Papa Francesco nella Messa celebrata oggi, 10 maggio 2016 a Casa Santa Marta. Hanno offerto la loro vita per il Vangelo e sono la gloria – ha sottolineato il Santo Padre – della nostra Chiesa. Papa Francesco ha utilizzato l’opera di uno scrittore e poeta spagnolo, José María Pemàn, per descrivere il momento del congedo dalla vita terrena di un missionario: in “Il divino impaziente” S. Francesco Saverio dice “Ho lasciato tutto, ma valeva la pena!”. E ha spinto i giovani di oggi a guardare l’orizzonte, a non farsi intrappolare da questa cultura del narcisismo e del consumismo, e a vivere bene la propria vita, bruciandola – ha detto il Papa – nel servizio e nell’annuncio.

Questa è la trascrizione:

“Andavano costretti dallo Spirito Santo: una vocazione! E quando, in quei posti, andiamo nei cimiteri, vediamo le loro lapidi: tanti sono morti giovani, a meno di 40 anni. Perché le malattie del posto non erano preparati per sopportarle. Hanno dato la vita giovani: hanno ‘bruciato’ la vita. Io penso che loro, in quell’ultimo momento, lontani dalla loro patria, dalla loro famiglia, dai loro cari, abbiano detto: ‘Valeva la pena, quello che ho fatto!’”.

“I missionari nostri, questi eroi dell’evangelizzazioni dei nostri tempi. L’Europa che ha riempito di missionari altri continenti… E questi se ne andavano senza tornare… Credo sia giusto che noi ringraziamo il Signore per la loro testimonianza. E’ giusto che noi ci rallegriamo di avere questi missionari, che sono veri testimoni. Io penso a come sia stato l’ultimo momento di questi: come può essere stato il congedo? Come Saverio: “Ho lasciato tutto, ma valeva la pena!”. Anonimi, se ne sono andati. Altri martiri e cioè offrendo la vita per il Vangelo. Sono la nostra gloria questi missionari! La gloria della nostra Chiesa!”.

“Io vorrei dire ai ragazzi e alle ragazze di oggi che non si sentono a proprio agio – ‘ma, non sono tanto felice con questa cultura del consumismo, del narcisismo…’: ‘Ma guardate l’orizzonte! Guardate là, guardate a questi nostri missionari!’. Pregare lo Spirito Santo che li costringa a andare lontano, a ‘bruciare’ la vita. E’ una parola un po’ dura, ma la vita vale la pena viverla. Ma per viverla bene, ‘bruciarla’ nel servizio, nell’annunzio, e andare avanti. E questa è la gioia dell’annuncio del Vangelo”.

Aluni link dove recuperare il libro citato oggi da Papa Francesco:

Il divino impaziente – (Corriere della Sera – La biblioteca di Papa Francesco)

Il divino impaziente (usato)

Il divino impaziente (Google Books)

 

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...