“Mai perdere la memoria del primo amore”. Omelia di Papa Francesco del 30 gennaio 2015

Papa Francesco, come ieri, ha di nuovo preso spunto dalla Lettera agli Ebrei (Eb 10, 32-39) per sviluppare l’omelia della Messa celebrata oggi, 30 gennaio 2015 a Casa Santa Marta. Riprendendo in particolar modo l’inizio del brano, il Santo Padre ha spinto ognuno di noi a richiamare alla memoria il nostro primo incontro con Gesù, l’entusiasmo e il coraggio provato in quei momenti perché senza quel ricordo, ha detto il Papa, siamo spiritualmente inerti, tiepidi. Fare memoria per alimentare la speranza: tutte e due, memoria e speranza, misurano la nostra capacità di essere cristiani in cammino verso l’incontro con Gesù.

Questa è la trascrizione:

“La memoria è tanto importante per ricordare la grazia ricevuta, perché se noi cacciamo via questo entusiasmo che viene dalla memoria del primo amore, questo entusiasmo che viene dal primo amore, viene quel pericolo tanto grande per i cristiani: il tepore. I cristiani ‘tiepidi’. Eh, ma stanno lì, fermi, e sì, sono cristiani, ma hanno perso la memoria del primo amore. E, sì, hanno perso l’entusiasmo. Anche, hanno perso la pazienza, quel ‘tollerare’ le cose della vita con lo spirito dell’amore di Gesù; quel ‘tollerare’, quel ‘portare sulle spalle’ le difficoltà… I cristiani tiepidi, poverini, sono in grave pericolo”.

“Il cristiano ha questi due parametri: la memoria e la speranza. Richiamare la memoria per non perdere quella esperienza tanto bella del primo amore, che alimenta la speranza. Tante volte è buia, la speranza, ma va avanti. Crede, va, perché sa che la speranza non delude, per trovare Gesù. Questi due parametri sono proprio la cornice nella quale possiamo custodire questa salvezza dei giusti che viene dal Signore”.

“Danno pena, fanno male al cuore tanti cristiani – tanti cristiani! – a metà cammino, tanti cristiani falliti in questa strada verso l’incontro con Gesù, partendo dall’incontro con Gesù. Questa strada nella quale hanno perso la memoria del primo amore e non hanno la speranza”.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...