“Attraverso l’amore al prossimo arriviamo a conoscere Dio” Omelia di Papa Francesco dell’8 gennaio 2015

Oggi, 8 gennaio 2015, prima Messa pubblica dell’anno celebrata da Papa Francesco a Casa Santa Marta. Prendendo spunto dalla Prima Lettura (1 Gv 4, 7-10) il Santo Padre ha sottolineato che per conoscere Dio non basta la ragione, ma è necessario amare il nostro vicino, amare anche quelli che ci odiano. Solo attraverso questo cammino che dura tutta la vita, ha detto il Papa, riusciremo a conoscere Colui che ha manifestato per primo il suo amore per noi nel suo Figlio, che è venuto a salvarci. Richiamando poi il profeta Geremia in uno dei passi da lui più citati, il Papa ha detto che l’amore di Dio ci “precede”, Lui ci ama prima ancora che noi lo cerchiamo, ci aspetta e ci sorprende sempre. Come nel brano del Vangelo di oggi (Mc 6, 34-44) quando Gesù “ebbe compassione di loro, perché erano come pecore che non hanno pastore, e si mise a insegnare loro molte cose”, ma non si fermò a questo, si preoccupò anche di sfamarli, un pensiero che ai discepoli non era proprio venuto in mente.

Questa è la trascrizione:

“Dio è amore! E soltanto per la strada dell’amore, tu puoi conoscere Dio. Amore ragionevole, accompagnato dalla ragione. Ma amore! ‘Ma come posso amare quello che non conosco?’; ‘Ama quelli che tu hai vicino’. E questa è la dottrina di due Comandamenti: Il più importante è amare Dio, perché Lui è amore; Ma il secondo è amare il prossimo, ma per arrivare al primo dobbiamo salire per gli scalini del secondo: cioè attraverso l’amore al prossimo arriviamo a conoscere Dio, che è amore. Soltanto amando ragionevolmente, ma amando, possiamo arrivare a questo amore”.

“Chi ama conosce Dio; chi non ama non ha conosciuto Dio, perché Dio è amore. Ma non amore di telenovela. No, no! Amore solido, forte; amore eterno, amore che si manifesta – la parola di questi giorni, manifestazione – nel suo Figlio, che è venuto per salvarci. Amore concreto; amore di opere e non di parole. Per conoscere Dio ci vuole tutta una vita; un cammino, un cammino di amore, di conoscenza, di amore per il prossimo, di amore per quelli che ci odiano, di amore per tutti”.

“Così è l’amore di Dio: sempre ci aspetta, sempre ci sorprende. E’ il Padre, è nostro Padre che ci ama tanto, che sempre è disposto a perdonarci. Sempre! Non una volta, 70 volte 7. Sempre! Come un padre pieno di amore e per conoscere questo Dio che è amore dobbiamo salire per lo scalino dell’amore per il prossimo, per le opere di carità, per le opere di misericordia, che il Signore ci ha insegnato. Che il Signore, in questi giorni che la Chiesa ci fa pensare alla manifestazione di Dio, ci dia la grazia di conoscerLo per la strada dell’amore”.

 

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...