“Il ministero episcopale non si cerca, non si chiede, non si compra, ma si accoglie in obbedienza!” Udienza Generale di Papa Francesco del 5 novembre 2014

Papa Francesco nell’Udienza generale di oggi, 5 novembre 2014, ha parlato nella sua catechesi del ministero episcopale, sottolineando ancora una volta con forza il suo carattere di servizio verso i fedeli e la Chiesa tutta. Nella persona del Vescovo e nel suo ministero, ha sottolineato il papa, si esprime la maternità della Chiesa, che ci accompagna lungo tutta la nostra vita. Come gli Apostoli sono stati chiamati da Gesù a pascere il suo gregge, così i Vescovi sono posti come garanti della fede di una comunità e come segno vivo della presenza del Signore in mezzo a loro. Non si tratta di una posizione di prestigio o di una carica onorifica, ha continuato il Santo Padre, nella Chiesa non dev’esserci posto per la mentalità mondana. Questo ministero, ha detto Papa Francesco, “non si cerca, non si chiede, non si compra, ma si accoglie in obbedienza, non per elevarsi, ma per abbassarsi”. Un altro aspetto ha sottolineato il Santo Padre: quello della collegialità, tanto ben evidenziato ed espresso nel recente Sinodo sulla Famiglia. E ha sottolineato, inoltre, la comunione che deve esistere tra la chiesa e il suo Vescovo: “Non c’è una Chiesa sana se i fedeli, i diaconi e i presbiteri non sono uniti al vescovo. Questa chiesa non unita al vescovo è una chiesa ammalata”.

Questo è il filmato integrale dell’Udienza Generale, la catechesi del Santo Padre inizia la minuto 21.26:

Queste le parole di Papa Francesco:

Cari fratelli e sorelle,

buongiorno

abbiamo sentito le cose che l’Apostolo Paolo dice al vescovo Tito, ma quante virù dobbiamo avere noi vescovi, e non è facile perché noi siamo peccatori ma ci affidiamo alla vostra preghiera perché almeno ci avviciniamo ai consigli dell’Apostolo Paolo; d’accordo? Pregherete per noi?

Abbiamo già avuto modo di sottolineare, nelle catechesi precedenti, come lo Spirito Santo ricolmi sempre la Chiesa dei suoi doni, con abbondanza. Ora, nella potenza e nella grazia del suo Spirito, Cristo non manca di suscitare dei ministeri, al fine di edificare le comunità cristiane come suo corpo. Tra questi ministeri, si distingue quello episcopale. Nel Vescovo, coadiuvato dai Presbiteri e dai Diaconi, è Cristo stesso che si rende presente e che continua a prendersi cura della sua Chiesa, assicurando la sua protezione e la sua guida.

Nella presenza e nel ministero dei Vescovi, dei Presbiteri e dei Diaconi possiamo riconoscere il vero volto della Chiesa: è la Santa Madre Chiesa Gerarchica. E davvero, attraverso questi fratelli scelti dal Signore e consacrati con il sacramento dell’Ordine, la Chiesa esercita la sua maternità: ci genera nel Battesimo come cristiani, facendoci rinascere in Cristo; veglia sulla nostra crescita nella fede; ci accompagna fra le braccia del Padre, per ricevere il suo perdono; prepara per noi la mensa eucaristica, dove ci nutre con la Parola di Dio e il Corpo e il Sangue di Gesù; invoca su di noi la benedizione di Dio e la forza del suo Spirito, sostenendoci per tutto il corso della nostra vita e avvolgendoci della sua tenerezza e del suo calore, soprattutto nei momenti più delicati della prova, della sofferenza e della morte.

Questa maternità della Chiesa si esprime in particolare nella persona del Vescovo e nel suo ministero. Infatti, come Gesù ha scelto gli Apostoli e li ha inviati ad annunciare il Vangelo e a pascere il suo gregge, così i Vescovi, loro successori, sono posti a capo delle comunità cristiane, come garanti della loro fede e come segno vivo della presenza del Signore in mezzo a loro. Comprendiamo, quindi, che non si tratta di una posizione di prestigio, di una carica onorifica. Il vescovato non è una onorificenza, è un servizio! Gesù lo ha voluto così. Non dev’esserci posto nella Chiesa per la mentalità mondana. La mentalità mondana parla di carriera ecclesiastica; nella Chiesa non deve esserci posto per questa mentalità. Il vescovato è un servizio! Non una onorificenza della quale vantarsi! Essere Vescovi vuol dire tenere sempre davanti agli occhi l’esempio di Gesù che, come Buon Pastore, è venuto non per essere servito, ma per servire e per dare la sua vita per le sue pecore. I santi Vescovi – e sono tanti nella storia della Chiesa, tanti vescovi santi – ci mostrano che questo ministero non si cerca, non si chiede, non si compra, ma si accoglie in obbedienza, non per elevarsi, ma per abbassarsi, come Gesù che «umiliò se stesso, facendosi obbediente fino alla morte e a una morte di croce» (Fil 2,8). È triste quando si vede un uomo che cerca questo ufficio e che fa tante cose per arrivare là, e quando arriva là non serve, si pavoneggia, vive soltanto per la sua vanità.

C’è un altro elemento prezioso, che merita di essere messo in evidenza. Quando Gesù ha scelto e chiamato gli Apostoli, li ha pensati non separati l’uno dall’altro, ognuno per conto proprio, ma insieme, perché stessero con Lui, uniti, come una sola famiglia. Anche i Vescovi costituiscono un unico collegio, raccolto attorno al Papa, il quale è custode e garante di questa profonda comunione, che stava tanto a cuore a Gesù e ai suoi stessi Apostoli. Com’è bello, allora, quando i Vescovi, con il Papa, esprimono questa collegialità! E cercano di essere più e più e più servitori dei fedeli, più servitori della Chiesa. Lo abbiamo sperimentato recentemente nell’Assemblea del Sinodo sulla famiglia. Ma pensiamo a tutti i Vescovi sparsi nel mondo che, pur vivendo in località, culture, sensibilità e tradizioni differenti e lontane tra loro, da una parte all’altra … un vescovo mi diceva l’altro giorno che per arrivare a Roma erano necessarie più di 30 ore di aereo; tanto lontani uno dall’altro diventano espressione del legame intimo, in Cristo, tra le loro comunità. E nella comune preghiera ecclesiale tutti i Vescovi si pongono insieme in ascolto del Signore e dello Spirito, potendo così porre attenzione in profondità all’uomo e ai segni dei tempi.

Cari amici, questo ci fa comprendere perché le comunità cristiane riconoscono nel Vescovo un dono grande, e sono chiamate ad alimentare una sincera e profonda comunione con lui, a partire dai presbiteri e dai diaconi. Non c’è una Chiesa sana se i fedeli, i diaconi e i presbiteri non sono uniti al vescovo. Questa chiesa non unita al vescovo è una chiesa ammalata. Gesù ha voluto questa unione di tutti i fedeli con il vescovo, anche dei diaconi e i presbiteri. E questo lo fanno nella consapevolezza che è proprio nel Vescovo che si rende visibile il legame di ciascuna Chiesa con gli Apostoli e con tutte le altre comunità, unite con i loro Vescovi e il Papa nell’unica Chiesa del Signore Gesù, che è la nostra Santa Madre Chiesa Gerarchica.

Grazie.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...