“Dobbiamo essere docili alla Parola di Dio”. Omelia di Papa Francesco del 20 gennaio 2014

Papa Francesco nell’omelia della Messa celebrata oggi, 20 gennaio 2014, a Casa Santa Marta, ha sottolineato come la Parola di Dio sia viva e venga a comunicarci non quello che noi aspettiamo o speriamo che ci dica: è una Parola libera; è anche portatrice di novità e di sorprese, ha continuato il Santo Padre, e noi dobbiamo accoglierla con docilità, dobbiamo adattarci e adeguarci alla novità della Parola di Dio. A proposito di questo, citando la Prima Lettura (1 Sam 15, 16-23), Papa Francesco si è soffermato sulla figura di Saul che ragionava seguendo le sue abitudini; Samuele lo rimprovera di questo e lo accusa di essersi impadronito della Parola di Dio. Questo atteggiamento ha detto il Papa è un peccato di divinazione; l’ostinazione e la non docilità alla volontà del Signore è un peccato di idolatria. Dobbiamo avere il coraggio di “diventare otri nuovi, per questo vino nuovo che viene continuamente”.

Questa è la trascrizione:

“Il Vangelo è novità. La Rivelazione è novità. Il nostro Dio è un Dio che sempre fa le cose nuove e chiede da noi questa docilità alla sua novità. Nel Vangelo, Gesù è chiaro in questo, è molto chiaro: vino nuovo in otri nuovi. Il vino lo porta Dio, ma dev’essere ricevuto con questa apertura alla novità. E questo si chiama docilità. Noi possiamo domandarci: io sono docile alla Parola di Dio o faccio sempre quello che io credo che sia la Parola di Dio? O faccio passare la Parola di Dio per un alambicco e alla fine è un’altra cosa rispetto a quello che Dio vuole fare?”.
“Quando io voglio prendere l’elettricità dalla fonte elettrica, se l’apparecchio che io ho non va, cerco un adattatore. Noi dobbiamo sempre cercare di adattarci, di adeguarci a questa novità della Parola di Dio, essere aperti alla novità. Saul, proprio l’eletto di Dio, unto di Dio, aveva dimenticato che Dio è sorpresa e novità. Aveva dimenticato, si era chiuso nei suoi pensieri, nei suoi schemi, e così ha ragionato umanamente”.
“La libertà cristiana e l’obbedienza cristiana sono docilità alla Parola di Dio, è avere quel coraggio di diventare otri nuovi, per questo vino nuovo che viene continuamente. Questo coraggio di discernere sempre: discernere, dico, non relativizzare. Discernere sempre cosa fa lo Spirito nel mio cuore, cosa vuole lo Spirito nel mio cuore, dove mi porta lo Spirito nel mio cuore. E obbedire. Discernere e obbedire. Chiediamo oggi la grazia della docilità alla Parola di Dio, a questa Parola che è viva ed efficace, che discerne i sentimenti e i pensieri del cuore”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...