“La preghiera dell’uomo umile è la debolezza di Dio”. Omelia di Papa Francesco del 16 novembre 2013

Nell’omelia della Messa celebrata oggi, 16 novembre 2013, a Casa Santa Marta, Papa Francesco prende spunto dalla Lettura del Vangelo (Lc 18, 1-8) per spingerci a pregare senza stancarci, dicendo che “Dio fa e farà giustizia ai suoi eletti, che gridano giorno e notte verso di Lui”. Il Signore ci ascolta e agisce, così come riportato nella Prima Lettura (Sap 18,14-16; 19,6-9), con Israele guidato da Mosè fuori dall’Egitto.
Il Papa si è poi rivolto ai canonici del Capitolo della Basilica di San Pietro dicendo che il loro “lavoro è proprio bussare al cuore di Dio, pregare, pregare il Signore per il popolo di Dio; nella Basilica più vicina al Papa, dove giungono tutte le preghiere del mondo, loro raccolgono queste preghiere e le presentano al Signore: questo è un servizio universale, un servizio di Chiesa”.

Questa è la trascrizione:

“Quando chiama Mosè gli dice: ‘Ho sentito il pianto, il lamento del mio popolo’. Il Signore ascolta. E nella prima Lettura abbiamo ascoltato quello che ha fatto il Signore, quella parola onnipotente: ‘Dal Cielo viene come un guerriero implacabile’. Quando il Signore prende la difesa del suo popolo è così: è un guerriero implacabile e salva il suo popolo. Salva, rinnova tutto: ‘Tutto il Creato fu modellato di nuovo nella propria natura come prima’. ‘Il Mar Rosso divenne una strada senza ostacoli … e coloro che la tua mano proteggeva, passarono con tutto il popolo’”.

“Questa è la forza di Dio. E qual è la forza degli uomini? Qual è la forza dell’uomo? Questa della vedova: bussare al cuore di Dio, bussare, chiedere, lamentarsi di tanti problemi, tanti dolori e chiedere al Signore la liberazione da questi dolori, da questi peccati, da questi problemi. La forza dell’uomo è la preghiera e anche la preghiera dell’uomo umile è la debolezza di Dio. Il Signore è debole soltanto in questo: è debole in confronto alla preghiera del suo popolo”.

“Voi siete come la vedova: pregare, chiedere, bussare al cuore di Dio, ogni giorno. E non si addormentava mai la vedova quando faceva questo, era coraggiosa. E il Signore ascolta la preghiera del suo popolo. Voi siete rappresentanti privilegiati del popolo di Dio in questo ruolo di pregare il Signore, per tanti bisogni della Chiesa, dell’umanità, di tutti. Vi ringrazio per questo lavoro. Ricordiamo sempre che Dio ha una forza, quando Lui vuole che cambi tutto. ‘Tutto fu modellato di nuovo’ dice. Lui è capace di modellare tutto di nuovo, ma ha anche una debolezza: la nostra preghiera; la vostra preghiera universale vicina al Papa in San Pietro. Grazie di questo servizio e andate avanti così per il bene della Chiesa”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...