“Dio cammina con noi, ci aspetta sempre”. Omelia di Papa Francesco del 24 settembre 2013

Papa Francesco nell’omelia della Messa di oggi, 24 settembre 2013, a Santa Marta, ha preso spunto dal Salmo 121: “Andremo con gioia alla Casa del Signore”, soffermandosi sulla presenza del Signore nella nostra vita. Una presenza che ci accompagna in ogni situazione: “Nella storia del Popolo di Dio, ci sono momenti belli che danno gioia e anche momenti brutti di dolore, di martirio, di peccato.  La grandezza di Dio è proprio la sua umiltà: Ha voluto camminare con il suo Popolo. E quando il suo Popolo si allontanava da Lui con il peccato, con l’idolatria, Lui era lì ad aspettare. E anche Gesù viene con questo atteggiamento di umiltà. Vuole camminare con il Popolo di Dio, camminare con i peccatori; anche camminare con i superbi. Anche lo Spirito Santo ci accompagna e ci insegna tutto quello che noi non sappiamo, nel cuore e ci ricorda tutto quello che Gesù ci ha insegnato. E così ci fa sentire la bellezza della buona strada. Dio, Padre, Figlio e Spirito Santo sono compagni di cammino, fanno Storia con noi. E questo la Chiesa lo celebra con tanta gioia, anche nella Eucaristia con la quarta preghiera eucaristica dove si canta quell’amore tanto grande di Dio che ha voluto essere umile, che ha voluto essere compagno di cammino di tutti noi, che ha voluto anche Lui farsi Storia con noi”.

 

Questa è la trascrizione:

“E sia nei momenti brutti, sia nel momenti belli una cosa sempre è la stessa: il Signore è là, mai abbandona il Suo popolo! Perché il Signore, quel giorno del peccato, del primo peccato, ha preso una decisione, ha fatto una scelta: fare Storia con il Suo popolo. E Dio, che non ha Storia, perché è eterno, ha voluto fare Storia, camminare vicino al Suo popolo. Ma di più: farsi uno di noi e come uno di noi, camminare con noi, in Gesù. E questo ci parla, ci dice dell’umiltà di Dio”.

“Umiltà. Dio sempre aspetta. Dio è accanto a noi, Dio cammina con noi, è umile: ci aspetta sempre. Gesù sempre ci aspetta. Questa è l’umiltà di Dio. E la Chiesa canta con gioia questa umiltà di Dio che ci accompagna, come lo abbiamo fatto con il Salmo. ‘Andremo con gioia alla casa del Signore’: andiamo con gioia perché Lui ci accompagna, Lui è con noi. E il Signore Gesù, anche nella nostra vita personale ci accompagna: con i Sacramenti. Il Sacramento non è un rito magico: è un incontro con Gesù Cristo, ci incontriamo il Signore. E’ Lui che è accanto a noi e ci accompagna”.

“E se Lui è entrato nella Storia di noi, entriamo anche noi un po’ nella Storia di Lui, o almeno chiediamoGli la grazia di lasciarci scrivere la Storia da Lui: che Lui ci scriva la nostra Storia. E’ sicura”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...