“Lamentarsi davanti a Dio non è peccato”. Omelia di Papa Francesco del 5 giugno 2013

“Quando pensiamo alla gente che soffre pensiamo come se fosse un caso di morale, o anche con il nostro cuore? A me non fa piacere quando si parla di queste situazioni in maniera tanto accademica e non umana, alle volte con le statistiche … ma soltanto lì. Nella Chiesa ci sono tante persone in questa situazione”. Queste le parole di Papa Francesco nell’omelia della Messa celebrata oggi, 5 giugno 2013, a Santa Marta.

Questa è la trascrizione:

“Lamentarsi davanti a Dio non è peccato. Un prete che io conosco una volta l’ha detto ad una donna che si lamentava davanti a Dio per le sue calamità: ‘Ma, signora, è una forma di preghiera quella. Vada avanti’. Il Signore sente, ascolta i nostri lamenti. Pensiamo ai grandi, a Giobbe, quando nel capitolo III (dice): ‘Maledetto il giorno in cui sono venuto al mondo’. E anche Geremia, nel XX capitolo: ‘Maledetto il giorno …’. Si lamentano anche con una maledizione, non al Signore, ma a quella situazione, no? E’ umano, questo”.

“I Sadducei parlavano di questa donna come se fosse un laboratorio, tutto asettico, tutto … Era un caso di morale. Noi, quando pensiamo a questa gente che soffre tanto, pensiamo come se fosse un caso di morale, pure idee, ‘ma, in questo caso, … questo caso …’, o pensiamo con il nostro cuore, con la nostra carne, anche? A me non fa piacere quando si parla di queste situazioni in maniera tanto accademica e non umana, alle volte con le statistiche … ma soltanto lì. Nella Chiesa ci sono tante persone in questa situazione”.

“Pregare per loro. Loro devono entrare nel mio cuore, loro devono essere un’inquietudine per me: il mio fratello soffre, la mia sorella soffre. Ecco … il mistero della comunione dei Santi: pregare il Signore: ‘Ma, Signore, guarda quello: piange, soffre’. Pregare, permettetemi di dirlo, con la carne: che la nostra carne preghi. Non con le idee. Pregare con il cuore”.

Annunci

4 pensieri su ““Lamentarsi davanti a Dio non è peccato”. Omelia di Papa Francesco del 5 giugno 2013

  1. Parole Sante!
    … a volte si dicono preghiere che sono “bestemmie”, e non ci rendiamo conto che poi a volte le “imprecazioni” sono delle vere e proprie preghiere, sono quei momenti in cui siamo più vicini a Dio e che Dio più comprende come esternazione della nostra più genuina umanità!
    Anche Gesù, figlio di Dio fatto uomo come noi, alla vigilia del suo sacrificio, preso forse dallo sconforto, intrinseco nella natura umana, rivolgendosi al Padre disse: “Padre se puoi allontana de me questo calice …” ma poi conclude con “Sia fatta la Tua volontà!”.
    Saluti Emanuele

  2. “Lamentarsi non è peccato…”. A me sembra che lamentarsi sia come chiedere a Dio “PERCHE?”. Il nostro perchè sottintende che noi ci saremmo comportati diversamente. Stiamo giudicando Dio e Gli vorremmo insegnare il Suo mestiere di Creatore. Forse lamentarsi non è peccato ma affidarsi a Lui ed avere fiducia assoluta nella Sua volontà è la cosa più giusta.
    Saluti Nicola

  3. io nella situazione in cui mi trovo (DAVVERO PENOSA) dopo anni di recitare il rosario e frequentare la messa tutti i giorni e dopo tantissimi pellegrinaggi non faccio altro che lamentarmi davanti a Dio purtroppo vorrei solo una sua risposta ma Dio continua a non parlarmi … se continua a non rispondermi non so cosa fare ! sono sull’orlo di un suicidio!

    • Sempre, e te lo dico per esperienza personale, quando non ascoltiamo risposta è perchè non vogliamo farlo, o qualcosa ce lo impedisce. Il Signore, oggi (28 giugno) il Papa lo ha sottolineato nell’omelia di Santa Marta, ci è sempre vicino e ci risponde secondo il suo tempo, non il nostro, ma ci aspetta fino alla fine. Ti consiglio di ascoltarla, ha fatto bene anche a me. Non ti abbandonare all’oblio. Il Signore non ci abbandona mai.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...